Molto spesso l’arredamento della casa è un’attività relegata all’arredatore e, parzialmente, alle ditte che grazie alla loro opera in qualche modo indirizzano i propri clienti agli acquisti d’arredo da fare, anche indirettamente.

Con questi presupposti, quindi, non di rado l’arredamento di una casa avviene più per esigenze che per gusto: esigenze di spazi, esigenze pratiche, esigenze estetiche etc.

Quello che a volte viene dimenticato è che una casa deve essere anzitutto l’espressione della nostra personalità, che attraverso i mobili scelti viene comunicata in modo deciso ma non invadente ai nostri ospiti e a noi stessi ogni volta che varchiamo la porta di ingresso.

Certo, non si tratta di una scelta “istintiva”. Tutt’altro, arredare in base alla propria personalità è un processo ragionato che va compreso prima nella teoria e poi nella pratica.
L’ambiente che più di tutti può risentire positivamente di questo approccio è il bagno, diventato negli anni vero e proprio rifugio personale in cui rilassarsi e passare dei momenti di relax.

Un vero e proprio “specchio” della nostra personalità quindi.

A patto chiaramente di scegliere gli arredi giusti, magari con l’aiuto di esperti del settore come il team di www.sanitaribagnoitalia.it.
Vediamo insieme alcuni dettagli nelle prossime righe.

Arredi singoli o polifunzionali?

Quando scegliamo i mobili per il nostro bagno siamo sempre alle prese con una scelta fondamentale: le funzioni che quel mobile dovrà svolgere.

La scelta da questo punto di vista è talmente ampia che trovare l’incastro perfetto è tutt’altro che semplice.

Per esempio esistono mobili-lavabo con cassettone integrato particolarmente capienti ed esteticamente molto belli, ma altrettanto esistono lavandini singoli di pregio e cassettiere separate per il contenimento di asciugamani e articoli per la cura della persona.

Anche per la doccia o la vasca funziona allo stesso modo: esistono soluzioni “combo” (vasca con box integrato attraverso un pratico paraschizzi che copre metà del perimetro della vasca, ma anche – ovviamente – soluzioni singole per ognuno dei due arredi.

Se il problema non sono gli spazi la scelta sarà dunque esclusivamente personale. Premettendo infatti che nei bagni di piccole dimensioni prediligere mobili polifunzionali è sempre la scelta giusta, se non sussiste questo problema dovremo spostare la valutazione su in piano diverso.

Ci piace avere tutto a portata di mano? Non siamo soliti trascorrere più tempo del dovuto in bagno? Siamo persone per lo più “pratiche”? Se si, pochi arredi che svolgono più funzioni sono la scelta giusta.

Viceversa ci piace trascorrere qualche ora in relax nella vasca da bagno, prenderci il nostro tempo per il trucco, i capelli e quant’altro? In questo avere arredi singoli contribuisce a creare quel clima di comfort che ricerchiamo nel nostro bagno.

Quali sanitari scegliere

Quando arrediamo un bagno nuovo o appena ristrutturato si pensa sempre ai complementi d’arredo per la cura della persona ma meno ai sanitari, che invece sono la parte più importante del bagno sia dal punto di vista estetico che pratico.

In questo caso la scelta potrà essere estetica (c’è chi ama le linee squadrate, i sanitari ampi, le forme in sospensione etc) oppure pratica (ossia seguendo il criterio dei sanitari più “facili” da igienizzare).

Qualunque sia la scelta, l’importante è affidarsi a un professionista in grado di garantire la qualità del prodotto e la sua durata nel tempo. Perché un bagno non si arreda tutti i giorni.