La luce pulsata è un metodo abbastanza recente di epilazione. Molti centri estetici e medici sono attrezzati per questo genere di trattamenti. Le persone propendono sempre di più per l’epilatore a luce pulsata in quanto consente di effettuare una depilazione definitiva o quasi.

Funziona in modo semplice. Passa attraverso la cute per lavorare in profondità sui follicoli piliferi. Per lavorare bene e ottenere i risultati sperati, occorre intervenire nella fase di crescita. Il professionista vi spiega infatti che non basta una sola seduta ma ne occorrono di verse per una stessa aria, di solito con una distanza di un mese l’una dall’altra.

La luce pulsata non è una depilazione adatta a tutti. Prima di tutto è attratta dalla melanina del pelo, perciò chi ha i peli molto chiari o bianchi, non ottiene risultati. Quando invece l’energia luminosa incontra la melanina del pelo, ecco che si trasforma in energia e va a danneggiare le cellule che sono responsabili di far crescere il pelo.

Potete scegliere non solo di praticare la luce pulsata non solo sulle gambe ma anche su zone più delicate come l’inguine, le ascelle e la zona del labbro superiore. Molte persone infatti decidono di intervenire con la luce pulsata proprio su queste zone piccole, così da risolvere definitivamente il problema della crescita dei peli scuri.

In realtà la luce pulsata non serve solo a togliere i peli. E’ utile anche per trattare la couperose, cioè i capillari che sono visibili sul viso. Il calore va a riscaldare l’emoglobina dei vasi equesti si restringono, diventando così meno visibili.

Molte persone scelgono di usarla anche per ringiovanire la pelle perché riduce la pigmentazione come quella legata all’avanzare dell’età. Inizialmente l’energia scurisce le macchie ma nel giro di un paio di settimane si desquamano e compare la pelle rigenerata e più chiara. Offre buoni risultati anche contro le rughe e l’acne.

Per quanto riguarda le controindicazioni invece, durante il trattamento qualcuna prova un pizzicore e può avere la pelle un po’ arrossata ma è un effetto transitorio. Non è consigliato su ferite, escoriazioni, eczemi, infezioni virali e dermatite atopica. E’ sconsigliato anche in gravidanza.

 

Lascia il tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here